All’Osteria del Carnevale per degustare le specialità della tradizione culinaria umbra.

*All’Osteria del Carnevale per degustare le specialità della tradizione culinaria umbra.*
Patè di fegato con verdure all’aceto e crostini di pane, strongozzo focoso, tagliatelle alla chianina, pici all’amatriciana, stracotto con polenta e cavolo cappuccio croccante, dadolata di verdure sabbiate.
Queste le novità nel menù dell’“Osteria del Carnevale” offerto agli avventori che in questi giorni frequentano gli splendidi locali della Taverna del rione Spada nel suggestivo Portico delle Conce.
Il celeberrimo spazio enogastronomico che sin dal 1986 grazie ad una felice intuizione dell’allora presidente Icaro Trabalza, caratterizza la manifestazione del “Carnevale dei ragazzi” di Sant’Eraclio per il suo aspetto tipicamente godereccio, dove vale la pena trascorrere le serate in allegria in compagnia di amici.
La nuova location è stata impreziosita di raffinati addobbi carnascialeschi realizzati dai giovani dell’oratorio parrocchiale “Don Mariano” che si destreggiano anche tra i tavoli consigliando le pietanze e la scelta del vino tra il bianco, il rosso, il greghetto e il sagrantino.
Lo staff coordinato da Lino Silvestrini si avvale della competenza e professionalità delle cuoche Edelweiss Ricci Busciantella e Morena Roscini nel miscellare gli ingredienti dei cibi tipici della tradizione culinaria umbra.
Si va da un preludio di sformatino di fave, con fonduta di pecorino e croccantini di barbazza, antipasto all’italiana e coratella per poi immergersi in altri peccati di gola gustando orecchiette alla pecorara, gnocchi al sugo d’anatra, strozzapreti alla salsiccia, tartufo e radicchio e zuppe saporite. Si prosegue con appetitosi arrosticini di pecora, succulenti lumache al sugo, braciole di agnello scottadito, bocconcini di cinghiale al limone, filetto di maiale al sagrantino, la porcona e l’immancabile pagliata tutti i piaceri della carne. Ma anche patate fritte e verdura campagnola ripassata.
Per addolcire il palato panna cotta con nutella o frutti di bosco, rocciata brutti ma buoni, tozzetti e treccine all’anice.
Per coloro che non hanno ancora avuto l’opportunità di degustare tali prelibatezze il locale resterà aperto sino a martedì 5 marzo e rispetto agli anni passati anche dal giovedì al sabato sino alle ore 1 di notte quando sarà possibile apprezzare anche saporiti stuzzichini. Per le prenotazioni non resta che chiamare il numero telefonico 3331360280.
*Responsabile Comunicazione del Carnevale dei Ragazzi di S.Eraclio* *Andrea Piermarini*

 
  • 21 Febbraio 2019
  • News